Articles Comments

ULTIMA ORA

Favaraweb » CRONACA, P.Empedocle, POLITICA, Porto Empedocle, PRIMO PIANO » Porto Empedocle. «Sono finiti i soldi, niente sussidi»

Porto Empedocle. «Sono finiti i soldi, niente sussidi»

446 views

I vecchi sistemi non tradiscono mai. Nell’era dell’informazione globale, veloce, tempestiva e a volte invadente, per comunicare alle migliaia di persone indigenti che i soldi per i sussidi sono finiti, l’amministrazione comunale ha utilizzato un sistema affidabile. Una sorta di usato sicuro dell’informazione al pubblico: i manifesti.
Da alcuni giorni sui muri della città, specie nelle zone strategiche dove risiedono molti tra i clienti abituali del settore Solidarietà sociale, campeggiano sgargianti manifesti color arancione sui quali è stata scritta la ferale comunicazione ai meno abbienti.
Il concetto comunicato dall’amministrazione riguarda l’erogazione dei sussidi agli indigenti, sussidi la cui entità e frequenza è determinata dalla quantità di risorse economiche in possesso dell’ente che li eroga.
Se questo Ente – in questo caso il Comune – non dispone però dei contributi del caso da parte di Stato e Regione, ecco che le risorse si esauriscono in fretta.
Rispetto ad altri anni, il Comune è costretto a metà settembre a chiudere la cassa e a dire urbi et orbi che soldi non ce ne sono più, almeno alla voce sussidi.
Una mazzata terrificante per le centinaia di famiglie che non avendo una fonte di reddito adeguata o addirittura non avendola del tutto, ripongono nel sostegno del sussidio comunale l’unica speranza di sopravvivenza.
Nelle poche righe che compongono il sintetico ma chiaro avviso ai naviganti il Comune è molto chiaro nello scaricare la responsabilità dello stop ai sussidi ai «cattivi» di Roma e Palermo. Una specificazione che serve soprattutto a stroncare sul nascere le velleità di coloro i quali potrebbero additare il Comune per la brutale sospensione dei contributi assistenziali agli aventi diritto.
Un modo franco e diretto per scongiurare qualche missione a palazzo di città per chiedere ciò che l’ente pubblico non può più dare, fino al 31 dicembre prossimo.
Sì, perché in calce al manifesto, il Comune ha evidenziato come i soldi non potranno essere racimolati fino alla fine dell’anno. Con il 2012 si vedrà e chissà se l’amministrazione comunale farà affiggere altri manifesti per dire che i soldi sono stati trovati, nonostante quei «cattivoni» di Roma e Palermo che continuano a tagliare i fondi destinati agli Enti locali.
francesco di mare

Scritto da

Archiviato in: CRONACA, P.Empedocle, POLITICA, Porto Empedocle, PRIMO PIANO

Commenti chiusi.